Acqua del rubinetto: più sicura ed ecologica #smuoviamoleacque

#SmuoviamoLeAcque campagna di sensibilizzazione all'uso dell'acqua di rubinetto

L’acqua in bottiglia è il simbolo principe della plastica usa e getta e l’Italia è il Paese in Europa (3° nel mondo dopo Messico e Thailandia) per consumo di acqua imbottigliata. Un mercato che coinvolge, solo nel nostro paese, 260 marchi che commercializzano circa 8 miliardi di bottiglie ogni anno necessarie per garantire il consumo pro-capite italiano (fonte Censis).

Perché siamo così legati all’utilizzo dell’acqua in bottiglia? Erroneamente crediamo che sia più pulita, sicura e che abbia un gusto migliore rispetto a quella del rubinetto. Ma la realtà dei fatti è che negli anni siamo stati portati a pensare a questo. In più, spesso, ci focalizziamo solo sul contenuto (acqua) e ci dimentichiamo di tutto il resto (il contenitore e il suo impatto).

CONTINUA A LEGGERE

Cosmesi eco-bio: il make-up green di Couleur Caramel

Mi piace prendermi cura di me stessa ma contemporaneamente non voglio utilizzare prodotti contenenti ingredienti “velenosi” per l’organismo e per il pianeta. Ecco perchè già da anni mi rivolgo solo alla cosmetica bio.
Couleur Caramel, marchio francese di make-up bio certificato di alta qualità, è proprio uno di quei brand che si prendono cura dell’ambiente e delle donne.
Distribuito in Italia da HPS Milano, azienda specializzata nella vendita di prodotti dedicati al mondo del benessere e che vanta tra i suoi marchi K pour Karitè e Les Fleurs de Bach, Couleur Caramel viene considerata una delle più importanti linee di maquillage dai risultati professionali, paragonabili a quelli ottenuti da brand famosi, ma con un lato davvero insuperabile da questi ultimi: l’utilizzo di ingredienti naturali provenienti dal commercio equo-solidale.

CERTIFICAZIONI E QUALITÁ

I prodotti Couleur Caramel:

  • non sono testati sugli animali (né le materie prime né il prodotto finito);
  • seguono un rigido iter di controllo della filiera, dalle materie prime ai metodi di lavorazione, dai processi di produzione al confezionamento;
  • impiegano ingredienti provenienti dal commercio equo-solidale;
  • rispettano la normativa europea e hanno ottenuto certificazioni autorevoli in materia di biocosmesi (Ecocert e Cosmetique Bio).

Continua a leggere “Cosmesi eco-bio: il make-up green di Couleur Caramel”

Madreterrablog.it: nuova veste grafica ma stessa anima green

Logo Madreterra

Come annunciato sul vecchio blog, per Madreterra era giunto il momento di rinnovarsi. Ecco perchè ha cambiato “casa“, veste grafica, logo ed ora è pronto per ripartire.

Per alcuni mesi il blog è rimasto fermo. L’assenza da questo mio spazio green è stata causata da molti eventi che mi sono capitati: sono tornata a vivere in Liguria, sono caduta nella frenesia lavorativa (classico purtroppo), mi sono sposata ed ora sono una quasi eco-mamma in attesa del mio piccolo Giuseppe.

Nato nel lontano 2008, Madreterra aveva bisogno di fare un salto di qualità, avere uno spazio tutto suo e adottare un nuovo look.

Al momento ho deciso che madreterra.wordpress.com continuerà ad esistere ancora per alcuni mesi dopodichè verrà cancellato. I contenuti però non andranno persi: potrete continuare a leggere i vecchi post in questo nuovo spazio www.madreterrablog.it

Mi auguro che mi accompagnerete in questo nuovo percorso e che avrete piacere di trascorrere del tempo in questo “nuovo” angolo verde! Benvenuti!

SuperGreentire: un supereroe nel riciclo delle gomme

Sapete che fine fanno gli pneumatici delle vostre auto una volta sostituiti perché giunti al termine del loro ciclo di vita? Per legge (e buon senso) devono essere smaltiti correttamente da enti appositi.

Greentire è proprio uno di questi enti, o meglio una società consortile senza scopo di lucro, che si occupa della gestione dei vecchi pneumatici ormai non più utilizzabili (anche detti PFU). In che maniera? Recuperandoli, reinventandoli in nuovi oggetti (come ad esempio in aree bimbi, campi sportivi, strade, edilizia, arredo urbano, …), un modo per sfruttare quello che ancora ha del potenziale e per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente.

illustrazione-filiera-pneumatici-fuori-uso
La filiera – GREENTIRE

Il Consorzio, oltre a destinare alla “ricerca e sviluppo” parte del contributo versato dal consumatore per la gestione del “fine vita” degli pneumatici, concentra la propria attività sul recupero di materia al fine di ridurre i quantitativi di rifiuti avviati a recupero energetico, in linea con le priorità indicate dalla direttiva europea.
Greentire utilizza unicamente tecnologie che permettono il recupero pressoché totale della gomma, del metallo e delle fibre tessili presenti negli pneumatici: in questo modo, nulla viene destinato all’inceneritore.

Continua a leggere “SuperGreentire: un supereroe nel riciclo delle gomme”

Giornata delle Oasi WWF per salvare l’Amazzonia

Il 18 maggio, in occasione della Giornata Oasi 2014, è possibile visitare gratuitamente le oasi protette dal WWF e partecipare alle tantissime attività organizzate per scoprire e avvicinare alla Natura.

Questa edizione si caratterizza ancora di più per il legame che l’allaccia all’Amazzonia, polmone verde capace di immagazzinare enormi quantità di anidride carbonica come pochi altri sistemi della nostra terra e, attraverso il vapore prodotto dagli alberi, capace di ridurre il riscaldamento del Pianeta. Una vera e propria oasi gravemente minacciata dall’uomo. Estesa per 6,7 milioni km2 e habitat di oltre 2,5 milioni di specie animali tra cui mammiferi, uccelli, insetti e piante, casa anche per 33 milioni di persone e 350 comunità indigene, fonte di acqua, cibo, ossigeno, medicinali ed energia, in 50 anni ha visto scomparire un quinto della sua superficie e di conseguenza alcune specie animali e risorse naturali preziose per le popolazioni locali e non.

Ogni anno scompare 1 milione e mezzo di ettari di foresta amazzonica.

E se l’Amazzonia scomparisse? Se vinisse interamente fagocitata dalla fame di progresso? Ecco, rifletti bene su cosa potremmo perdere e al fatto che non è possibile tornare indietro.

Se la deforestazione non venisse fermata entro 25 anni per l’Amazzonia sarà il ‘punto di non ritorno’, con ripercussioni negative sulla nostra vita e su quella delle altre specie.

Continua a leggere “Giornata delle Oasi WWF per salvare l’Amazzonia”