Gluten Free Day: conoscere è il primo passo, assaggiare il secondo

L’8 dicembre 2013 si svolgerà a Roma una bellissima iniziativa, il Gluten Free Day, la prima giornata dedicata all’alimentazione senza glutine, evento organizzato dal Lanificio Factory, in collaborazione con SuLLeali Comunicazione Responsabile, Lanificio Cucina e con il patrocinio dell’AIC (Associazione Italiana Celiachia).

Tale giornata, ad ingresso gratuito e per tutta la famiglia (anche per chi non è celiaco), prevede molte attività interessanti: il convegno “GLUTEN FREE WAY: la celiachia oggi e le nuove sfide di AIC”, laboratori di cucina, uno spettacolo teatrale, consulenze di uno psicologo e di una dietista, test degustativi, presentazioni di libri, animazioni, aree espositive delle aziende del settore e uno spettacolare show-cooking con Andy Luotto.

Come si può leggere sul comunicato stampa dell’evento, “anche se non è una moda alimentare nè una dieta dimagrante – e non deve essere presa per tale – la celiachia è diffusa come una moda. Una patologia che impedisce di mangiare tutto ciò che contiene glutine, e quindi in primis pane e pasta, ma non solo: il glutine, proteina collante contenuta nel grano, si trova negli alimenti più impensati, anche nella birra tradizionale o nelle ostie per la Comunione. Ed ecco che per i celiaci una alimentazione “speciale” diventa un obbligo, che evita malattie secondarie anche molto gravi perchè il glutine distrugge i loro villi intestinali. Trent’anni fa mangiare senza glutine era un’impresa: pochissimi alimenti disponibili, nessuna formazione del personale nei ristoranti, e così il celiaco si trovava ad essere molto limitato anche nella vita sociale. Poi è nata l’AIC, una federazione con sedi in tutta l’Italia, che porta avanti da allora una azione di lobbying a livello nazionale ed internazionale, nonchè di informazione e sensibilizzazione rivolta alle Istituzioni, ai medici, ai ristoratori, ai diagnosticati (circa 100.000) e a tutta la popolazione, all’interno della quale almeno altri 500.000 sono celiaci senza saperlo. Allo stesso tempo, grazie ai controlli e alla formazione che fa l’AIC – e forse anche perchè pane, pasta e pizza sono alimenti base della cucina italiana – le aziende ed i locali di ristorazione si sono attivati sempre più per rincorrere le diagnosi in crescita”.

Per ulteriori informazioni consultate la pagina Facebook di Gluten Free Day.

1 Commento

  1. 11 febbraio 2014 at 5:14 pm

    Ciao! Ti ho citato nel mio ultimo post 😉

Lascia un commento

* tutti i campi sono obbligatori