E-book reader eco-friendly: un punto a favore per il mondo dei libri virtuali

Dopo le mie prime considerazioni sul rapporto tra gli e-book e l’ambiente di poche settimane fa ritorno sull’argomento approfondendo, però, la questione degli e-reader.

Se gli e-book sono considerati degli eroi che combattono il disboscamento, in grado di risparmiare carta in favore di libri sotto forma di bit, lo stesso non si può dire degli e-book reader, i dispositivi utili a leggerli che, rispetto al buon vecchio libro, hanno la necessità di ricaricare la batteria attraverso la corrente elettrica, operazione che ovviamente ha un suo costo in termini di inquinamento. Inoltre, la produzione, l’utilizzo e lo smaltimento degli e-reader sono fasi che, se non riprogettate in ottica di green computing, danneggiano l’ambiente.

In generale un e-book racchiude in sé già molti vantaggi rispetto alla sua versione cartacea (ricordiamo che per stampare un libro bisogna abbattere degli alberi, utilizzare molta acqua ed inchiostro nocivo): più leggero, meno ingombrante, più economico. I lettori addirittura si possono trasformare in vere biblioteche portatili.

La produzione di un libro costa 7,5 kg di diossido di carbonio, inclusa ogni fase della realizzazione e del trasporto. Un iPad ne richiede 130 mentre un Kindle addirittura 170. Bisogna, però, considerare che, una volta terminato, il libro finisce nello scaffale e… “avanti un altro”. Quindi altri 7,5 kg di emissioni. Mentre un e-book reader, per fortuna, non viene riposto in “un angolo” o “gettato” dopo il primo utilizzo. Quindi, se leggiamo almeno 23 e-book con il nostro dispositivo, abbiamo ammortizzato ampiamente la quantità di emissioni nocive immesse nell’ambiente per la sua produzione. Inoltre, il libro stampato necessita di inchiostro, che rilascia nell’aria una serie di veleni anche cancerogeni. Lo stesso fanno gli eReader, se sostituiamo al ragionamento dell’inchiostro i metalli non riciclabili utilizzati per l’assemblaggio dei circuiti elettronici. Facendo un rapido calcolo, per lettori mediamente incalliti e con una durata del prodotto di non meno di un paio di anni, l’eReader batte il libro stampato.

Oggi, però, questi dispositivi stanno subendo un ulteriore grado di ecologicità grazie all’ideazione di versioni eco-compatibili che utilizzano l’energia solare per ricaricare le batterie. Ciò vorrebbe dire che gli e-book e i suoi congegni di lettura diventano al 100% compatibili con il pianeta. Sul mercato giapponese (per ora solo in quello) nel 2010 è stato presentato, da Toshiba e dalla società di telecomunicazioni giapponese KDDI (la cui piattaforma di distribuzione di libri elettronici LISMO sarà collegata “strategicamente” al lettore), Biblio Leaf, un e-book reader dotato di un pannello fotovoltaico, integrato sulla sua “carrozzeria”, in grado di ricaricare la batteria anche quando ci si trova lontani da una presa elettrica.

Continua a leggere “E-book reader eco-friendly: un punto a favore per il mondo dei libri virtuali”

Le e-mail e lo spam: spina nel fianco del Pianeta [infografica]

L’e-mail è stata spesso considerata, anche giustamente, uno strumento ecologico. Questo perché grazie ad essa si riduce la quantità di carta sprecata, normalmente impiegata per inviare comunicazioni tramite la posta tradizionale. Sembrerebbe, però, che la semplice azione di inviare 8 e-mail possa emettere la stessa quantità di CO2 rilasciata da un automobile dopo aver percorso […]

Il rapporto tra gli e-book e l’ambiente: riflessioni pre #leditaGE [infografica]

Oggi pomeriggio, presso il Berio Café di Genova, alcuni book-bloggers di Ledita, tra cui la gentilissima Marta Traverso che mi ha invitata, presenteranno il loro libro “La lettura digitale e il web. Lettori, autori ed editori di fronte all’ebook”, un’occasione di incontro con blogger, cittadini e professionisti del settore che vorranno discutere sulla relazione tra […]

Stand-by il vampiro: ecco alcuni metodi alternativi per ricordarsi di disattivarlo

I nostri televisori, stereo, videoregistratori, DVD recorder e alcuni elettrodomestici (pensiamo all’orologio del forno) sono tutti dotati di una spia che segnala lo spegnimento dell’oggetto ma non la sua totale disattivazione. Ad esempio, lo stand-by (che significa “tenersi pronto”, quindi è a tutti gli effetti attivo) del televisore permette di accenderlo, tramite telecomando, tranquillamente dal […]